Come vendere su amazon con partita iva

Iva amazon

Ogni rivenditore online di successo che vuole essere sicuro di essere al top della conformità fiscale internazionale ha bisogno di una Guida all’IVA di Amazon per i rivenditori online che lo aiuti a iniziare il complesso mondo delle registrazioni e della conformità IVA internazionale.

In qualità di venditore online o a distanza, potreste espandere la vostra portata globale, consegnando prodotti a consumatori di tutto il mondo, ma dovrete comprendere le implicazioni fiscali di tutto ciò. In parole povere, non è possibile vendere merci in un altro Paese senza essere registrati ai fini dell’IVA. Il fisco bussa sempre. Ma non avrete problemi. Tenete a portata di mano questa Guida all’IVA di Amazon.

Se le vostre merci sono immagazzinate in magazzini o centri di adempimento esteri in Europa, dovrete registrare la vostra attività in quei Paesi europei nel momento in cui le vostre scorte vengono immagazzinate. Se utilizzate il servizio FBA o FBA paneuropeo di Amazon, dovrete sicuramente registrarvi ai fini dell’IVA, ma approfondiremo questo aspetto più avanti.

Se esportate merci dalla vostra giurisdizione locale verso i Paesi dell’UE (anche all’interno dell’UE), sarete tenuti a registrarvi in quei Paesi esteri una volta superate le soglie di vendita specifiche per ogni Paese. Ad esempio, se la vostra attività di e-commerce ha sede nei Paesi Bassi e vendete in altri Paesi europei, senza detenere scorte in tali Paesi, sarete tenuti a registrarvi una volta superate le soglie di vendita di tali Paesi.

Esenzione IVA amazon uk

In passato, le aziende di e-commerce e i venditori Amazon che spedivano prodotti in Europa non dovevano preoccuparsi troppo di far passare i loro prodotti attraverso i confini e nelle mani dei loro clienti. Tutta la responsabilità dei dazi e delle tasse di importazione poteva essere lasciata all’acquirente.

  Mandare via inquilino prima della scadenza del contratto

Ora la situazione è cambiata. Dovete pensare al valore dei prodotti che vendete, alla piattaforma attraverso cui li vendete (Amazon, altri marketplace o il vostro negozio) e al luogo da cui li spedite.

Se sbagliate, non sarà un semplice caso in cui l’acquirente dovrà pagare le tasse, come spesso è accaduto in passato. Al contrario, la spedizione potrebbe essere respinta alla frontiera e non arrivare mai nelle mani dell’acquirente. Tutti vogliono evitare che ciò accada.

Se provenite dagli Stati Uniti, l’IVA è un’imposta completamente nuova per voi. Per certi versi, è simile all’imposta sulle vendite degli Stati Uniti. Per altri versi, è completamente diversa. Ecco una breve spiegazione di come funziona e di come si confronta con l’imposta sulle vendite negli Stati Uniti.

L’IVA viene pagata in ogni fase della catena di fornitura: L’IVA viene aggiunta al prezzo di ogni vendita lungo la catena di approvvigionamento, dalla fabbrica al cliente finale, comprese le vendite tra aziende e quelle ai privati.

Rimborso IVA Amazon

I rivenditori online con sede al di fuori dell’UE che utilizzano il Fulfilment by Amazon (“FBA”) hanno obblighi diversi rispetto a quelli che risiedono in uno dei 27 Stati dell’Unione Europea.    La buona notizia è che possono ancora vendere ai consumatori senza costituire una società nell’UE, ma dovranno comunque registrarsi ai fini dell’IVA nei Paesi in cui vendono.

  Art 142 comma 8 codice della strada decurtazione punti

Se le merci sono conservate presso la sede del venditore extra-UE, devono prima essere sdoganate nell’UE.    Il venditore può farlo quando la merce arriva per la prima volta in un Paese dell’UE.    Può pagare l’IVA all’importazione e i dazi doganali per far entrare la merce nell’UE e consegnarla al cliente.    Se il venditore vuole reclamare l’IVA all’importazione, deve registrarsi nel Paese in cui la merce viene sdoganata.    In caso contrario, il venditore deve assorbire l’IVA all’importazione come costo, oltre al dazio all’importazione.

In alternativa, il venditore extra-UE può obbligare il cliente a pagare l’IVA all’importazione e i dazi doganali.    In genere, l’agente di consegna addebita al cliente questo importo prima di consegnare la merce.    Pur essendo semplice, questa soluzione spesso dissuade i clienti dal ripetere gli affari con i venditori.

Recensione servizi iva Amazon

“L’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) viene applicata ogni volta che viene aggiunto “valore” nella catena di fornitura. Quando un fornitore di materie prime vende merci a un produttore, ad esempio, l’IVA viene aggiunta alla vendita. L’IVA viene aggiunta nuovamente alla vendita dal produttore al grossista, dal grossista al dettagliante e dal dettagliante al consumatore”.

Le ultime modifiche, tuttavia, cercano di rendere le cose più semplici. In passato, ogni Stato membro dell’UE aveva una propria procedura di deposito e soglie per l’ammissibilità all’IVA. Ora non è più così.

  Come si scrive importo in lettere

Per garantire che la riscossione dell’IVA sia praticamente gestibile per le aziende che operano nell’UE e per assicurare che la maggior parte dell’IVA venga riscossa, i governi hanno introdotto soglie di distanziamento.

“Un numero di registrazione e identificazione degli operatori economici (numero EORI) è un numero di registrazione e identificazione dell’Unione Europea per le imprese che effettuano l’importazione o l’esportazione di merci all’interno o all’esterno dell’UE”.

Decidere dove (e quando) registrarsi ai fini dell’IVA dovrebbe far parte della vostra strategia generale di ingresso nel mercato. Una volta che si detiene uno stock in un paese, è necessario essere conformi alla normativa IVA, quindi assicurarsi di pianificare le registrazioni di conseguenza.