Detrazione interessi passivi mutuo prima casa

Detrazione fiscale degli interessi ipotecari 2022

Una delle migliori giustificazioni per il possesso di una casa, almeno dal punto di vista finanziario, è il risparmio fiscale derivante dalla detrazione degli interessi ipotecari. La detrazione degli interessi ipotecari è una delle poche detrazioni fiscali rimaste per il tipico contribuente della classe media.

Nonostante le modifiche apportate al codice fiscale nel corso degli anni e l’abrogazione e la limitazione di molte detrazioni non legate all’abitazione, gli interessi ipotecari sono ancora deducibili. Per i mutui ipotecari di primo e secondo grado e per le linee di credito per l’acquisto di una casa (con alcune limitazioni), la deduzione degli interessi ipotecari è ancora un buon incentivo finanziario per l’acquisto di una casa.

2. Il denaro preso in prestito a fronte del capitale proprio della casa, o il denaro preso quando si rifinanzia la casa per qualsiasi motivo tranne che per il miglioramento della casa, è chiamato “indebitamento del capitale proprio” o “debito del capitale proprio”.

Anche la data del prestito è importante. I mutui contratti prima del 14 ottobre 1987 sono esenti da alcune regole. È possibile dedurre completamente gli interessi pagati su questi prestiti, indipendentemente dalla loro entità o dall’uso che ne è stato fatto. Qualsiasi debito rifinanziato contratto prima del 14 ottobre 1987 viene incluso nell’indebitamento totale dell’acquisizione.

Gli interessi ipotecari sono deducibili

Consultate la pagina Tax Cuts and Jobs Act – What it Means for Homeowners and Real Estate Professionals per informazioni sulle principali disposizioni che interessano i proprietari di casa attuali e potenziali, gli immobili commerciali e i professionisti del settore immobiliare.

  Detrazioni spese notarili acquisto prima casa

La deduzione degli interessi ipotecari consente ai proprietari di case di ridurre il loro reddito imponibile deducendo l’importo pagato per gli interessi ipotecari. Scoprite come può essere utile per l’edilizia e la proprietà di una casa, consultate le regole e le linee guida dell’IRS, scaricate gli ebook che spiegano la legge e scoprite perché c’è opposizione.

Come già detto, purtroppo gli investitori possono usufruire di questa detrazione fiscale solo se utilizzano la loro seconda casa come proprietà in affitto. Se si dispone di una proprietà d’investimento standard, è ancora possibile dedurre il pagamento degli interessi come spesa aziendale se si presenta un prospetto E alla fine dell’anno fiscale.

La nuova legge fiscale ha abbassato il limite di 1 milione di dollari a 750.000 dollari, ma solo per i nuovi mutui contratti dopo il 14 dicembre 2017. Per i mutui esistenti a quella data, il limite è ancora di 1 milione di dollari. E gli interessi su questi mutui “grandfathered” rimarranno deducibili finché il proprietario di casa manterrà il mutuo. Tali mutui possono anche essere rifinanziati con il mantenimento della detrazione, a condizione che la durata originaria del mutuo e il saldo dovuto alla data del rifinanziamento non vengano aumentati.

Calcolo della detrazione fiscale degli interessi ipotecari

Per generazioni, la proprietà di una casa è stata un elemento fondamentale del sogno americano. Forse per questo motivo, la promozione della proprietà di una casa attraverso incentivi fiscali che ne aumentino l’accessibilità è un elemento chiave della politica fiscale federale. Il principale dei vantaggi fiscali riservati ai proprietari di case è la deduzione degli interessi ipotecari.

  Quanto in meno offrire acquisto casa

Come funziona? Molti non proprietari di casa hanno una situazione fiscale molto semplice, per cui è opportuno fare una premessa sulle nozioni fiscali di base. Il governo federale e molti Stati applicano un’imposta sul reddito e l’aliquota fiscale è proporzionale al reddito: più si guadagna, più alta è l’aliquota fiscale. Questo è ciò che si intende quando si parla di scaglione fiscale.

Tuttavia, non siamo tassati su ogni singolo dollaro che guadagniamo. Le tasse si basano piuttosto sul reddito lordo meno una serie di spese che il governo ci permette di dedurre prima di calcolare le imposte. Questo è noto come il nostro reddito lordo corretto, o imponibile.

Veniamo al punto: il principale vantaggio fiscale della proprietà di una casa è la deduzione degli interessi ipotecari. Questa deduzione consente di dedurre dal reddito lordo fino al 100% degli interessi passivi pagati sul mutuo, insieme alle altre deduzioni per le quali si ha diritto, prima di calcolare le imposte.

Posso detrarre gli interessi ipotecari se non partecipo al prestito?

Molti o tutti i prodotti qui presentati provengono dai nostri partner che ci compensano. Questo può influenzare i prodotti di cui scriviamo e dove e come il prodotto appare in una pagina. Tuttavia, questo non influenza le nostre valutazioni. Le nostre opinioni sono personali.

La deduzione degli interessi ipotecari è una deduzione fiscale per gli interessi ipotecari pagati sul primo milione di dollari di debito ipotecario. I proprietari di case acquistate dopo il 15 dicembre 2017 possono detrarre gli interessi sui primi 750.000 dollari di mutuo. Per richiedere la detrazione degli interessi ipotecari è necessario inserire una voce nella dichiarazione dei redditi.

  Passa a tim casa da fastweb

La deduzione degli interessi ipotecari consente di ridurre il reddito imponibile dell’importo pagato in interessi ipotecari durante l’anno. Se avete un’ipoteca, quindi, tenete una buona documentazione: gli interessi che pagate sul vostro mutuo per la casa potrebbero aiutarvi a ridurre il vostro conto fiscale.

Come già detto, in generale è possibile dedurre gli interessi ipotecari pagati durante l’anno fiscale sul primo milione di dollari di debito ipotecario per l’abitazione principale o per una seconda casa. Se la casa è stata acquistata dopo il 15 dicembre 2017, è possibile dedurre gli interessi pagati durante l’anno sui primi 750.000 dollari del mutuo.