Separazione con figli casa in affitto

Mia moglie può cacciarmi dalla casa che abbiamo in affitto?

Siete nella fase iniziale della separazione e volete informazioni sulla tutela dei vostri diritti di vivere in casa? Allora vale la pena di leggere la nostra guida Affittare: Proteggere i diritti sulla casa durante la separazione se si conviveva.

Se state cambiando i termini del vostro contratto d’affitto, è importante che il locatore lo accetti per iscritto prima di porre fine al contratto d’affitto esistente. Una volta terminato il contratto di locazione, non avrete alcun diritto di rimanere nell’immobile.

Tuttavia, il diritto immobiliare è complicato. Potreste quindi avere dei diritti a vivere in un immobile, a trasferire o a terminare il contratto di locazione, o delle responsabilità nel pagamento dell’affitto, di cui potreste non essere a conoscenza se cercate di risolvere la questione da soli.

Cosa succede se voi e il vostro ex partner non siete d’accordo su ciò che dovrebbe accadere, ad esempio se siete entrambi nel contratto di locazione o se avete dei figli? Potreste prendere in considerazione la possibilità di ricorrere a un mediatore, una terza persona imparziale.

Se uno dei due vuole rimanere nell’immobile, è importante non porre fine al contratto di locazione esistente senza averne ottenuto uno nuovo dal proprietario. Una volta terminato il contratto di locazione, non avrete alcun diritto di rimanere nell’immobile.

Una moglie può cacciare il marito da una casa in affitto nel Regno Unito?

In breve, non può semplicemente cacciare suo marito da casa. Dovrete invece richiedere un’ordinanza di occupazione al tribunale, che stabilirà chi può occupare l’immobile.

Un proprietario può rifiutarsi di affittare a qualcuno con un bambino nel Regno Unito?

Nel Regno Unito non esiste alcuna legge che obblighi il proprietario ad affittare a inquilini con bambini. Questi inquilini rimangono una parte significativa del settore degli affitti.

  Se affitto una casa devo cambiare residenza

I vostri diritti se il vostro partner vuole che vi trasferiate

È importante conoscere le pratiche e la terminologia tedesca quando si cerca una casa o un appartamento qui. Se desiderate due camere da letto con un soggiorno e una sala da pranzo, in realtà in Germania cercherete una casa “vier Zimmer” (quattro stanze). I bagni, i WC, le cucine e gli atri non sono inclusi nel numero di stanze. Gli appartamenti ammobiliati sono rari e costano molto di più di una casa non ammobiliata.

Gli appartamenti non arredati sono proprio così: completamente non arredati. Non hanno armadi a muro, ripostigli e nemmeno apparecchi di illuminazione. Spesso dovrete comprare tutto, forse anche il proverbiale lavello della cucina! Fornelli, frigoriferi, mobili da cucina, armadi, librerie, tavoli, letti, sedie, tende, bastoni per tende, luci e quant’altro sono un vostro problema.

D’altra parte, potreste essere responsabili di alcune cose che non sono specificate nel contratto di locazione. Le parti principali di un rapporto tra proprietario e inquilino sono codificate in una legge. È possibile che nel contratto di locazione non vi sia nulla che riguardi i periodi di preavviso, i lavori di ristrutturazione necessari o le azioni da intraprendere in caso di mancato pagamento dell’affitto, ma questi aspetti sono comunque coperti dalla legge.

Chi paga l’affitto durante la separazione

Se vi state separando dal vostro partner e la casa è di vostra proprietà, una delle decisioni finanziarie più importanti che potreste prendere è quella che riguarda la sua destinazione. Scoprite cosa dovete fare e quali sono le vostre possibilità se non siete sposati o in unione civile.

  Detenzione armi in casa senza porto darmi

Siete nella fase iniziale della separazione e volete informazioni sulla tutela dei vostri diritti a vivere nella casa?  Allora vale la pena di leggere la nostra guida Proteggere i diritti di proprietà della casa durante la separazione se eravate conviventi.

Come coppia che vive insieme ma non è sposata o in unione civile, non avete alcun obbligo di sostenervi economicamente a vicenda dopo la separazione. Tuttavia, in quanto genitori, siete tenuti a sostenere le spese per i vostri figli.

Non è detto che la persona che rimane nella casa sia proprietaria o che ne detenga una quota, ma potrebbe avere il diritto di viverci per un certo numero di anni. Di solito si tratta di un periodo che dura fino al raggiungimento di una certa età da parte del figlio più giovane.

Avete pagato per il mutuo, per le migliorie o per un ampliamento? In questo caso potreste essere in grado di stabilire il cosiddetto “diritto di usufrutto”. Ciò potrebbe significare che sarete in grado di rivendicare una quota finanziaria dell’immobile o il diritto di viverci.

Posso rimanere nella casa di famiglia dopo la separazione

Se vivete con il vostro partner, dovrete decidere cosa fare della vostra casa quando vi separerete. Le possibilità dipendono dal fatto che siate celibi, sposati o in unione civile e che la casa sia in affitto o di proprietà.

Se avete già cercato di risolvere la questione con il vostro ex partner e avete difficoltà, potete chiedere aiuto per raggiungere un accordo. Un esperto chiamato “mediatore” può aiutare voi e il vostro ex partner a trovare una soluzione senza andare in tribunale.

Di solito, se lasciate la vostra casa, il Comune non vi darà un aiuto per l’alloggio perché vi siete resi “intenzionalmente senza casa”. Questo non vale se avete dovuto lasciare la vostra casa a causa di abusi domestici.

  La casa di famiglia - prima tv

Se decidete di porre fine all’affitto o di trasferirvi, il comune potrebbe pensare che sia colpa vostra se non avete un posto dove vivere. Questo si chiama “essere intenzionalmente senza dimora”. Se il comune pensa che siate intenzionalmente senza casa, potrebbe non essere in grado di trovarvi un alloggio a lungo termine.

Se siete sposati o in unione civile, avete entrambi il “diritto di abitazione”. Ciò significa che potete rimanere nella vostra casa, anche se non ne siete proprietari o non siete nominati nel contratto di locazione. Dovrete trasferirvi definitivamente solo se il vostro matrimonio o la vostra unione civile finiscono o se un tribunale ve lo ordina, ad esempio nell’ambito del divorzio.