Dichiarazione di responsabilita nel curriculum vitae

Ruoli e responsabilità

Quando scrivete il vostro CV dovete coprire le vostre responsabilità lavorative di base, ma senza limitarvi a menzionare la routine. Mantenete i riassunti delle mansioni in modo conciso e cercate di concentrarvi sui risultati ottenuti nel lavoro quotidiano. Evidenziate quindi i vostri risultati, non le vostre mansioni.

I risultati sono cose che avete fatto e che hanno avuto un impatto duraturo sulla vostra azienda o sul vostro cliente. Si tratta di un risultato che avete ottenuto personalmente svolgendo un ruolo particolare. In genere si tratta di cose che avete creato, costruito, progettato, venduto o avviato. Non è la stessa cosa delle responsabilità che rientrano in una descrizione del lavoro, poiché queste rimangono fisse indipendentemente da chi occupa il posto. Un risultato è unico per la vostra esperienza e indica al datore di lavoro che siete in grado di fare qualcosa. Quindi, mantenete i riassunti delle mansioni concisi e concentratevi sui risultati unici.

Molte persone non sanno come esprimere i propri risultati rispetto alle responsabilità. Questo perché molte responsabilità possono spesso sembrare risultati e molti risultati possono sembrare responsabilità. Per evitare ogni confusione, dovete concentrarvi sul determinare quali delle esperienze che avete maturato nella forza lavoro possono essere classificate come risultati e quali come responsabilità.

Come descrivere le mie responsabilità in un curriculum?

Descrivete le vostre responsabilità con affermazioni concise guidate da verbi forti. Concentratevi sulle competenze e sui punti di forza che possedete e che avete identificato come importanti per il vostro settore. Cercate di incorporare parole chiave specifiche del settore.

Devo inserire le responsabilità nel curriculum?

Non usate mai espressioni come “Compiti inclusi”, “Responsabilità incluse” o “Responsabile di”. Si tratta di un linguaggio da descrizione del lavoro, non di un linguaggio da curriculum orientato ai risultati che vende.

  Controllo formale dichiarazione redditi agenzia entrate

Che cos’è la responsabilità con un esempio?

La definizione di responsabilità è un obbligo o un dovere. Un esempio di responsabilità è il dover portare fuori la spazzatura ogni sera.

Cv esperienza pratica

Ho visto migliaia di curriculum in 13 anni di carriera nella selezione del personale e la maggior parte di essi non si distingue. Purtroppo, molti curriculum sono pieni di informazioni sulle responsabilità quotidiane della persona in cerca di lavoro e mancano di risultati tangibili rilevanti per il ruolo per cui si candidano.

La concorrenza per molti ruoli è estremamente elevata e molti candidati per un determinato lavoro avranno competenze e qualifiche simili. Per distinguervi, dovete dimostrare al potenziale datore di lavoro che siete in grado di svolgere bene il lavoro. Per farlo, dovete mostrare come avete avuto un impatto e un contributo positivo sull’attività del vostro datore di lavoro.  I risultati del curriculum sono più efficaci quando vengono quantificati con numeri o percentuali.

Un curriculum deve essere orientato ai risultati, non alle responsabilità. L’errore più grande che una persona in cerca di lavoro può commettere quando costruisce un curriculum è quello di includere un lungo elenco di responsabilità associate ai suoi ruoli passati senza un contesto. Un elenco di responsabilità non attira l’attenzione di nessuno.

Curriculum delle competenze di responsabilità

Innanzitutto, leggete l’annuncio di lavoro che vi interessa. Questo vi aiuterà a capire il ruolo e le esigenze del datore di lavoro. Individuate le competenze e le qualità ricercate. Di solito si trovano nelle sezioni relative alle responsabilità e alle qualifiche.

  Dichiarazione iva 4 prima casa doc

Utilizzate il foglio di lavoro del metodo STAR per creare descrizioni che includano le competenze e le qualità chiave ricercate dal datore di lavoro.  La vostra dichiarazione finale inizierà con la sezione delle azioni e includerà la sezione dei risultati, se opportuno.

Situazione: I tirocinanti stavano imparando troppo lentamente e non erano in grado di navigare nel sistema di tracciamento dei dati dell’azienda alla fine del periodo di formazione di due settimane. Al contrario, non erano pronti per altre due settimane.

Azione: Iniziò, scrisse e redasse il primo manuale di formazione per il sistema di tracciamento dei dati dell’azienda. Ha presentato con successo alla direzione la proposta di utilizzare il manuale. Rivisto il curriculum del programma di formazione per implementare il nuovo manuale. I tirocinanti hanno lavorato sul manuale durante le due settimane di formazione.

Risultato: Alla fine del periodo di formazione, i tirocinanti erano pronti a utilizzare il sistema di tracciamento dei dati due settimane prima del previsto; il manuale di formazione è stato adottato in tutta l’azienda ed è tuttora in uso.

Cv esperienza lavorativa

I datori di lavoro vogliono sapere cosa avete realizzato nel vostro precedente lavoro, non solo le cose che avete fatto. Quindi, piuttosto che parlare strettamente dei vostri compiti e delle vostre responsabilità precedenti, come “preparare relazioni” o “gestire il bilancio annuale”, cercate di indicarli in modo da dimostrare il valore aggiunto che avete apportato a ogni singola attività che avete intrapreso.

  Dichiarazione di assenso allespatrio del genitore assente

Volete impressionare i potenziali datori di lavoro con i risultati ottenuti nei vostri lavori precedenti? Allora dichiarate i vostri risultati in modo chiaro e descrivete i risultati in termini di numeri o percentuali, quando potete.

Prendiamo il compito di “preparare i rapporti” e trasformiamolo in una dichiarazione che mostri chiaramente come avete migliorato il processo. Forse la preparazione dei rapporti richiedeva due giorni e voi l’avete ridotta a un giorno e mezzo. In questo modo avete ridotto di ¼ il tempo. Potreste iniziare scrivendo quanto segue:

È possibile che abbiate anche migliorato l’accuratezza di questi rapporti, riducendo da due a zero il numero medio di errori commessi in ogni rapporto dal precedente collaboratore. Ecco come si potrebbe formulare questa affermazione: