Assegni familiari se cambio datore di lavoro

Assegno familiare bern

Gli assegni familiari hanno lo scopo di compensare alcune spese sostenute dai genitori per i propri figli. Gli assegni familiari comprendono gli assegni per i figli e gli assegni per la formazione professionale, nonché gli assegni di nascita e di adozione in alcuni cantoni.

Il beneficiario deve compilare l’apposito modulo per gli assegni familiari, farlo firmare dal suo datore di lavoro e inviarlo con i necessari documenti giustificativi alla cassa cantonale per gli assegni familiari (cassa di compensazione), che emetterà una decisione. Se avete diritto a ricevere gli assegni familiari, potete richiederli retroattivamente, fino a 5 anni.

Entrambi i padri/madri di un bambino svolgono un’attività lavorativa. Possono decidere chi dei due riceverà l’assegno familiare? Non è consentito il doppio pagamento degli assegni familiari. Quando più persone hanno diritto all’assegno familiare per lo stesso figlio, si parla di “richiesta concomitante”. In questi casi, i genitori non possono decidere chi di loro riceverà l’assegno familiare. La decisione viene presa in base al seguente ordine di precedenza:

A quanto ammontano gli assegni familiari in Svizzera?

L’importo dell’assegno familiare per figlio è di 200 franchi al mese e di 250 franchi al mese per figlio per l’assegno di formazione. Ai contadini di montagna viene corrisposto un supplemento di 20 franchi. I lavoratori agricoli ricevono anche un assegno familiare mensile di 100 franchi al mese.

C’è un limite agli assegni familiari?

Solo una persona può ricevere gli assegni familiari per un bambino. L’assegno viene versato ogni quattro settimane e non c’è limite al numero di figli per i quali si può richiedere l’assegno.

Come richiedere gli assegni familiari

Il Rapporto Beveridge, scritto dal funzionario pubblico William Beveridge, proponeva un assegno di otto scellini a settimana per tutti i bambini, graduato in base all’età. L’assegno non doveva essere contributivo e doveva essere finanziato dalla fiscalità generale. Dopo un certo dibattito, nel giugno 1945 fu promulgato il Family Allowances Bill. La legge prevedeva un pagamento forfettario finanziato direttamente dalla tassazione. Gli otto scellini settimanali raccomandati furono ridotti a cinque scellini e l’assegno familiare divenne un sussidio, piuttosto che un pagamento di sussistenza come previsto da Beveridge. Ulteriori dettagli sul Rapporto Beveridge sono disponibili sul sito web degli archivi nazionali.

  Modifica orario di lavoro da parte del dipendente

Gli assegni familiari furono introdotti nel 1946 e i primi pagamenti furono effettuati il 6 agosto. All’epoca venivano pagati solo a partire dal secondo figlio, un ulteriore indebolimento del programma di Beveridge. Nel 1952, il governo conservatore ridusse i sussidi alimentari, che erano in vigore dal dopoguerra. A partire dall’ottobre 1952, gli assegni familiari furono aumentati di tre scellini a settimana, per prevenire il potenziale effetto sull’alimentazione. Per incoraggiare le famiglie a mantenere i figli agli studi, la legge sugli assegni familiari del 1956 estese l’assegno familiare a tutti i bambini in età scolare, anche se il sussidio per il pane fu abolito. Nel 1961, il Consiglio dei Ministri ha deciso di escludere la maggior parte degli apprendisti dalle disposizioni sugli assegni familiari, ma ha respinto la proposta di abolire gli assegni familiari per il secondo figlio. Le disposizioni sugli assegni familiari rimasero quindi intatte nel Family Allowances and National Insurance Act del 1962.

Assegno familiare zug

Ai sensi dell’articolo L. 512-1 del Codice della sicurezza sociale, “ogni persona francese o straniera residente in Francia con uno o più figli a carico anch’essi residenti in Francia, ha diritto agli assegni familiari per tali figli”.

  Permessi non retribuiti imposti dal datore di lavoro

Come vengono calcolate le prestazioni familiari: le prestazioni familiari sono calcolate come percentuale della base mensile delle prestazioni familiari (BMAF). La BMAF è attualmente fissata a 422,28 euro a partire dal 1° aprile 2022. La BMAF viene aggiornata il 1° aprile di ogni anno in base alla variazione prevista dell’indice medio annuo dei prezzi al consumo, esclusi i tabacchi.

Le prestazioni familiari sono erogate senza alcun requisito di occupazione dal 2° figlio a carico residente in Francia. I tassi delle prestazioni familiari si basano sul reddito della famiglia o della persona con figli a carico e sul numero di figli. Si tiene conto del reddito netto dell’anno N-2. Esistono 3 fasce di reddito.

L’assegno forfettario spetta alle famiglie con almeno 3 figli a carico, il cui assegno viene ridotto quando uno dei figli raggiunge i 20 anni (limite di età per gli assegni familiari), vive ancora a casa e non percepisce un reddito mensile superiore a 982,48 euro.

Diritto agli assegni familiari

Tutti i bambini hanno diritto a un assegno mensile a partire dal mese di nascita e a un assegno per il ritorno a scuola a partire dal compimento dei 6 anni fino alla fine della scuola (o al massimo fino al compimento dei 25 anni).

Anche i bambini cresciuti all’estero ma con un genitore che lavora in Lussemburgo hanno diritto all’assegno familiare. L’importo dell’assegno può variare a seconda degli assegni già concessi nel Paese di residenza.

Se sono titolari di una pensione lussemburghese, i lavoratori transfrontalieri in pensione continuano a ricevere l’assegno familiare lussemburghese. I pensionati non residenti hanno diritto all’intera gamma di assegni familiari come se stessero ancora lavorando.

  Annunci candidati in cerca di lavoro

Al momento del pensionamento, tuttavia, il pagamento può essere inizialmente sospeso mentre il caso dell’interessato viene riesaminato in base alle sue nuove condizioni. Alla luce del fatto che a coloro che percepiscono una pensione si applicano regole specifiche, è possibile un cambiamento di priorità.

I figli adulti possono chiedere che l’assegno familiare venga versato direttamente a loro. A tal fine, devono presentare una domanda per posta alla CAE, presentando anche un documento di identificazione del conto corrente bancario. Non sono accettate richieste per e-mail o per telefono.