Maltrattamento psicologico sul posto di lavoro

Come denunciare un abuso emotivo sul posto di lavoro

Se siete vittime di mobbing sul posto di lavoro e avete bisogno di sostegno, potete leggere questa scheda e andare alla sezione Chiedere aiuto.  Se conoscete o vedete una persona vittima di bullismo, potete consultare la scheda informativa Supportive Bystander per scoprire come aiutarla.

Se avete meno di 16 anni, il bullismo e la violenza possono essere considerati abusi su minori. Per ulteriori informazioni, consultare l’argomento Lawstuff sugli abusi sui minori nel proprio Stato o territorio. http://www.lawstuff.org.au/lawstuff

Il bullismo può anche essere discriminazione se è dovuto a età, sesso, gravidanza, razza, disabilità, orientamento sessuale, religione o altre ragioni. Anche le molestie sessuali e l’odio razziale sono contro la legge. Per maggiori informazioni sulle leggi antidiscriminazione e su cosa si può fare, consultare la pagina della Commissione australiana per i diritti umani.

Tutti noi abbiamo la responsabilità morale di contribuire a creare un ambiente di lavoro positivo e sicuro.    Se qualcuno sul posto di lavoro subisce molestie o mobbing, potete informarlo sulle misure che può adottare per risolvere il problema.

Che cos’è l’abuso psicologico sul posto di lavoro?

Esempi più evidenti di abuso mentale sono le sfuriate rabbiose, le urla o le parolacce contro il dipendente di fronte ad altri, il sabotaggio del lavoro, la sottrazione del merito del lavoro svolto dalla vittima o i commenti scortesi e sminuenti su un collega.

Cosa si intende per molestie psicologiche?

Per molestie psicologiche si intende qualsiasi comportamento vessatorio sotto forma di comportamenti, commenti, azioni o gesti ripetuti e ostili o indesiderati che ledono la dignità o l’integrità psicofisica di un individuo e che si traducono in un ambiente di lavoro o di apprendimento dannoso per l’individuo stesso.

  Fac simile lettera reintegro posto di lavoro

Come gestire gli abusi emotivi sul posto di lavoro

Milioni di uomini e donne di ogni età, etnia e razza in tutti gli Stati Uniti odiano andare al lavoro, cadono gradualmente nella disperazione e spesso si ammalano gravemente. Alcuni fuggono dal lavoro che amavano, altri sopportano la situazione senza riuscire a trovare una via d’uscita. “Ogni giorno era come andare in battaglia. Non sapevo mai quando sarebbe stata sganciata la prossima bomba. Avevo paura di fidarmi di chiunque per paura che fosse il nemico. Le mie riserve fisiche e mentali erano esaurite. Sapevo che avrei dovuto avere presto un po’ di sollievo. Ma non c’era un attimo di tregua”, ha detto Diana quando le abbiamo chiesto come si sentiva ogni giorno. Che cosa sta succedendo? Perché sta succedendo? Quanto è diffusa questa situazione? Cosa si può fare?

Ciò che stiamo descrivendo è stato identificato come “mobbing” e “bullismo” sul posto di lavoro. I colleghi, superiori o subordinati, attaccano la dignità, l’integrità e la competenza di una persona, ripetutamente, per un certo numero di settimane, mesi o addirittura anni. Una persona viene sottoposta a maltrattamenti emotivi, in modo sottile o diretto, spesso accusata ingiustamente di aver commesso un illecito, e viene umiliata in modo persistente.

Causa per abuso emotivo sul posto di lavoro

La cattiva notizia:  La nostra nazione è piena di culture aziendali impantanate in lotte politiche, con capi fuori controllo e idioti e comportamenti incivili, dove i dipendenti lasciano l’ufficio ogni giorno ansiosi, depressi e abbattuti.

  Come scrivere un annuncio di lavoro esempio

Perché sono così appassionato della creazione di ambienti di lavoro eccellenti?    Perché esorto costantemente gli imprenditori e i dirigenti a trattare i dipendenti con fiducia e rispetto? Il motivo è legato al mio sfortunato incontro con un capo sadico, crudele e prepotente che urlava, sbraitava, imprecava e faceva i capricci.

Sfortunatamente, non avendo conoscenze e informazioni sul comportamento dei prepotenti sul posto di lavoro, ho permesso a questo figlio di Satana di influenzarmi personalmente, con conseguenti costi dannosi per la mia salute. All’epoca non sapevo che i bersagli dei bulli sono in genere persone brillanti, di successo e ben rispettate.

Pensavo che ci fosse qualcosa di sbagliato in me per essere trattato in questo modo. La tristezza, l’oscurità e il dolore finirono per impadronirsi della mia vita, causando una tortura incredibile.    L’angoscia mentale alla fine ha portato a una serie di condizioni fisiche che mi sono costate molto in termini personali e finanziari.

Esempi di abusi sul posto di lavoro

Gli articoli di Verywell Mind sono revisionati da medici e professionisti della salute mentale con certificazione. I revisori medici confermano che il contenuto è completo e accurato e riflette le ultime ricerche basate sull’evidenza. I contenuti vengono rivisti prima della pubblicazione e in occasione di aggiornamenti sostanziali. Per saperne di più.

Il mobbing sul posto di lavoro è un maltrattamento persistente che si verifica sul posto di lavoro. Può includere comportamenti come critiche verbali, attacchi personali, umiliazioni, sminuimento ed esclusione. È importante notare che chiunque può essere un bullo o essere vittima di mobbing, indipendentemente dal ruolo che ricopre sul posto di lavoro.

  Foglio excel calcolo ore lavoro download

Secondo un’indagine del Workplace Bullying Institute, il 30% dei lavoratori ha sperimentato direttamente il mobbing sul posto di lavoro. Il 43,2% delle persone che lavorano a distanza ha dichiarato di essere stato vittima di mobbing sul posto di lavoro.

Se siete bersaglio di mobbing sul posto di lavoro, probabilmente iniziate ogni settimana con una fossa d’ansia nello stomaco. Poi si fa il conto alla rovescia fino al fine settimana o alle prossime ferie. I comportamenti inappropriati dei bulli adulti possono includere: