Cambio locatore contratto locazione agenzia entrate

Esempio di lettera elettorale per la sottosezione 45(3)

Se affittate più di un immobile, i profitti e le perdite di tali immobili vengono sommati per ottenere una cifra di profitti o perdite per la vostra attività immobiliare. Tuttavia, i profitti e le perdite delle proprietà all’estero devono essere tenuti separati da quelli delle proprietà nel Regno Unito.

È possibile condividere la proprietà di un immobile in affitto con altre persone e l’importo del reddito da locazione su cui si pagherà l’imposta dipenderà dalla propria quota di proprietà. La vostra quota di un’attività immobiliare di proprietà comune non è un’attività separata da qualsiasi proprietà che possiate possedere voi stessi.

Se possedete la proprietà in parti disuguali e avete diritto al reddito in parti altrettanto disuguali, il reddito può essere tassato su questa base. Entrambi dovete dichiarare l’interesse economico per le proprietà e i redditi comuni.

Se possedete una proprietà congiuntamente a un’altra persona che non è il vostro coniuge o partner civile, la vostra quota di profitti o perdite da locazione sarà di solito basata sulla quota della proprietà che possedete, a meno che non abbiate concordato una ripartizione diversa.

Se mi trasferisco nella mia proprietà in affitto, devo pagare le plusvalenze?

Il contratto di locazione è un contratto tra voi e il vostro locatore. Può essere scritto o verbale. Il contratto di locazione conferisce alcuni diritti sia a voi che al vostro locatore. Ad esempio, il vostro diritto di occupare l’alloggio e il diritto del locatore di ricevere l’affitto per la locazione dell’alloggio.

  Contratto di locazione a canone libero

Il locatore e l’inquilino possono aver preso accordi in merito alla locazione, che faranno parte del contratto di locazione, a condizione che non siano in contrasto con la legge. Sia voi che il locatore avete diritti e responsabilità stabiliti dalla legge. Il contratto di locazione può dare a voi e al locatore più dei vostri diritti legali, ma non può darvi meno dei vostri diritti legali. Se una clausola del contratto di locazione conferisce a voi o al locatore meno dei vostri diritti legali, tale clausola non può essere applicata.

La maggior parte degli inquilini non ha diritto per legge a un contratto di locazione scritto. Tuttavia, i locatori di alloggi sociali, come le autorità locali e le associazioni edilizie, di solito forniscono un contratto di locazione scritto.

Posso trasferirmi nella mia proprietà in affitto per evitare l’imposta sulle plusvalenze?

Per affitto si intendono i pagamenti ricevuti da un diritto concesso a un’altra persona per l’uso o l’occupazione di un bene immobile, compresi i premi o i corrispettivi simili ricevuti per l’uso o l’occupazione di un bene.

Si tratta di un’imposta dovuta dai soggetti residenti (persone fisiche o società) sui redditi da locazione percepiti per l’uso o l’occupazione di un immobile residenziale, quando il reddito da locazione è compreso tra 288.000 Kshs (24.000 Kshs al mese) e 15 milioni di Kshs all’anno.

  Contratto di locazione turistica superiore a 30 giorni cedolare secca

I proprietari con redditi da locazione inferiori a 288.000 Kshs o superiori a 15 milioni di Kshs all’anno sono tenuti a presentare una dichiarazione annuale dei redditi e a dichiarare tali redditi da locazione insieme a quelli provenienti da altre fonti.

Cambio di destinazione d’uso dell’immobile

La proprietà residenziale in affitto può includere una casa singola, un appartamento, un condominio, una casa mobile, una casa per le vacanze o una proprietà simile. Queste proprietà sono spesso chiamate abitazioni. I contribuenti che affittano proprietà possono utilizzare più di un’abitazione come residenza durante l’anno.

Un’abitazione è considerata una residenza se viene utilizzata per scopi personali durante l’anno fiscale per più del maggiore dei 14 giorni o del 10% dei giorni totali affittati ad altri a un valore di affitto equo. In generale, l’uso personale include l’uso dell’immobile da parte di:

Il reddito da locazione generalmente non include il deposito cauzionale se il contribuente prevede di restituirlo all’inquilino al termine del contratto di locazione. Tuttavia, se il contribuente trattiene una parte o la totalità del deposito durante un anno perché l’inquilino non rispetta i termini del contratto di locazione, allora il contribuente include l’importo trattenuto come reddito da locazione in quell’anno.

Se un contribuente fa un uso personale di un’abitazione in affitto, deve dividere le spese tra uso in affitto e uso personale. Deve dividere le spese anche se l’abitazione non soddisfa la definizione di residenza. I contribuenti possono dedurre solo le spese di locazione nel prospetto E (modulo 1040).  Potrebbero essere in grado di dedurre alcune delle loro spese personali sul Prospetto A (Modulo 1040) se hanno la possibilità di detrarre le spese in modo specifico.

  Ricevuta registrazione contratto di locazione on line