Risoluzione contratto di locazione agenzia delle entrate

Differenze fiscali differite per gli affitti

L’obiettivo del presente documento è quello di soddisfare meglio le esigenze informative degli utilizzatori del bilancio, migliorando la contabilizzazione e l’informativa finanziaria dei leasing da parte delle amministrazioni pubbliche. Il presente documento accresce l’utilità dei bilanci delle amministrazioni pubbliche richiedendo la rilevazione di alcune attività e passività di leasing che in precedenza erano classificate come leasing operativi e rilevate come flussi di risorse in entrata o in uscita in base alle disposizioni di pagamento del contratto. Il documento stabilisce un unico modello per la contabilizzazione dei leasing basato sul principio fondamentale che i leasing sono finanziamenti del diritto di utilizzare un’attività sottostante. In base a questo principio, il locatario è tenuto a rilevare una passività da leasing e un’attività immateriale da diritto d’uso, mentre il locatore è tenuto a rilevare un credito da leasing e un flusso di risorse differite in entrata, migliorando così la rilevanza e la coerenza delle informazioni sulle attività di leasing delle amministrazioni pubbliche.

Il leasing è definito come un contratto che trasmette il controllo del diritto di utilizzare un’attività non finanziaria di un’altra entità (l’attività sottostante) come specificato nel contratto per un periodo di tempo in una transazione di scambio o simile. Esempi di attività non finanziarie sono fabbricati, terreni, veicoli e attrezzature. Tutti i contratti che soddisfano questa definizione devono essere contabilizzati secondo la guida sui leasing, a meno che non siano specificamente esclusi dal presente documento.

Contabilità fiscale dei leasing

Nella prima di queste situazioni è improbabile che l’affittuario riceva un corrispettivo, ma le spese per il contratto di locazione si saranno esaurite, cfr. CG71141, e quindi non si verificherà né un utile né una perdita.

  Termine per registrazione contratto di locazione

Nella seconda situazione spesso si riceve un corrispettivo. Tale corrispettivo può essere esente dall’imposta sulle plusvalenze o dall’imposta sulle società sulle plusvalenze imponibili, ma è necessario accertare i fatti precisi per determinare se vi sia stata effettivamente una risoluzione o un riscatto. Se si verifica un caso del genere, si deve prendere in considerazione la guida CG72300C.

Nella terza situazione è improbabile che l’affittuario riceva un corrispettivo, ma le spese ammissibili non sono state completamente vanificate. Pertanto, in questa situazione si verificherà normalmente una perdita ammissibile.

Per aiutarci a migliorare GOV.UK, vorremmo sapere di più sulla vostra visita di oggi. Vi invieremo un link a un modulo di feedback. Ci vorranno solo 2 minuti per compilarlo. Non preoccupatevi, non vi invieremo spam e non condivideremo il vostro indirizzo e-mail con nessuno.

Trattamento fiscale del reddito da locazione

Man mano che un numero sempre maggiore di aziende private inizia ad applicare i nuovi standard GAAP statunitensi previsti dall’ASC 842, Leasing (“ASC 842” o “lo standard”), molte scoprono di non avere più un facile accesso ai dati necessari per calcolare le differenze contabili/fiscali più comuni. Prima dell’implementazione dell’ASC 842, molti contribuenti disponevano di conti di contabilità generale come “Affitti differiti” o “Affitti prepagati” che consentivano di identificare e calcolare le principali differenze fiscali. Tuttavia, in base all’ASC 842, questi conti sono stati sostituiti da un’attività di diritto d’uso e da un’obbligazione di leasing corrispondente nello stato patrimoniale per gli esercizi che iniziano il 15 dicembre 2021 o dopo, per le società private. Lo standard richiede inoltre alle aziende di rivedere il modo in cui trattano i leasing ai fini dei GAAP. Pertanto, lo standard non solo elimina i conti che venivano utilizzati per tenere traccia delle differenze contabili/fiscali, ma potrebbe crearne di nuovi.

  Lettera disdetta contratto locazione da parte del conduttore

La maggior parte del dialogo, degli articoli, dei corsi CPE, ecc. si sono concentrati sulle regole GAAP e sui requisiti di rendicontazione. Inoltre, la maggior parte delle soluzioni software si concentra sui requisiti GAAP. Di conseguenza, alcuni degli impatti fiscali del nuovo standard non sono stati considerati appieno.

Trattamento fiscale degli affitti passivi differiti

per il beneficiario è un capitale piuttosto che un reddito. Si considera che l’affittuario abbia rinunciato a uno o più diritti in relazione a un interesse di locazione, e quindi tale importo rappresenta il ricavato della cessione di parte o di tutto l’interesse di locazione. Tali cessioni sono trattate nel modo consueto, che dipende dal fatto che l’interesse di leasehold sia

(i) che è stato utilizzato per ottenere o produrre reddito, ma che non ha costi di capitale, o (ii) che è stato utilizzato principalmente per uso o godimento personale (nel qual caso, si tratterebbe di un immobile ad uso personale e potrebbe anche essere un’abitazione principale).

I commenti di questo paragrafo non si applicano a un importo ricevuto in occasione della concessione o della proroga di un subaffitto che sostituisce l’affitto o costituisce un pagamento anticipato dell’affitto da parte del subaffittuario (si vedano i commenti ai punti 2 e 3). Tale importo è trattato come affitto ricevuto nella misura in cui può essere ragionevolmente considerato tale. 8. Tutti gli importi ricevuti da un locatario come corrispettivo per la cessione di una parte o della totalità di un interesse locativo sono considerati proventi della cessione, anche se tali importi sono calcolati con riferimento a fattori quali le perdite aziendali derivanti dal trasferimento, i costi di trasloco, ecc. Naturalmente, se oltre all’interesse locativo vengono ceduti altri beni, come l’inventario o l’avviamento, gli importi ricevuti per tali beni sono proventi della cessione di tali beni. 9. Un pagamento ricevuto da un locatario da parte di un locatore come incentivo alla stipula di un contratto di locazione sarà considerato nelle mani del locatario come

  Risoluzione anticipata del contratto di locazione