Eu261 modulo di reclamo per risarcimento e rimborso spese a causa di disagi

Regolamento CE 261/2004

Il Regolamento sulla compensazione dei voli (CE n. 261/2004) è un regolamento del diritto dell’UE che stabilisce regole comuni in materia di compensazione e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo prolungato del volo. Il regolamento prevede un risarcimento da 250 a 600 euro[1] a seconda della distanza del volo per ritardi di almeno tre ore,[2] cancellazioni o negato imbarco per overbooking. I ritardi inferiori alle tre ore non danno diritto ad alcun tipo di compensazione, anche se il ritardo è stato classificato come non straordinario. Le compagnie aeree devono fornire ristoro e alloggio, ove opportuno. La Corte di giustizia dell’Unione europea ha interpretato i diritti dei passeggeri in modo restrittivo, cosicché non esistono praticamente eccezioni che consentano alle compagnie aeree di sottrarsi ai loro obblighi per violazione del contratto.

Il regolamento non si applica ai voli in elicottero, a qualsiasi volo non operato da un aeromobile ad ala fissa, né ai voli dall’aeroporto di Gibilterra.[2] Sebbene la Svizzera e la Norvegia non siano membri dell’UE, il regolamento si applica ai voli da e per questi Paesi come se fossero Stati membri in base ad accordi bilaterali.[3]

Modulo di richiesta di risarcimento Ryanair eu 261

Ai sensi del Regolamento 261/2004 che istituisce regole comuni in materia di compensazione e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione o ritardo prolungato dei voli, il passeggero può richiedere un risarcimento se la compagnia aerea cancella il volo entro due settimane dalla data di partenza o se l’arrivo del volo subisce un ritardo superiore alle 3 ore.

  Modulo proposta di acquisto tra privati

Il risarcimento non sarà offerto se la causa della cancellazione o del ritardo è al di fuori del controllo di Virgin Atlantic, o per disservizi che non avrebbero potuto essere evitati anche se fossero state adottate tutte le misure ragionevoli. Tali circostanze possono verificarsi, in particolare, in caso di instabilità politica, condizioni meteorologiche, rischi per la sicurezza, carenze impreviste nella sicurezza dei voli e scioperi che influiscono sulle nostre operazioni. Non è previsto alcun risarcimento nemmeno nel caso in cui la cancellazione del volo sia stata comunicata ai passeggeri almeno due settimane prima della data di partenza e/o nel caso in cui un pacchetto turistico venga cancellato per motivi diversi dalla cancellazione del volo.

Respinta la richiesta di risarcimento di Easyjet

Ci sono poche cose più fastidiose che veder infrangere i propri sogni di vacanza a causa di un ritardo, di una riprenotazione o, peggio ancora, della cancellazione del volo. Si vuole essere risarciti per il disagio, ma come si può fare e a chi ci si deve rivolgere? La Commissione europea ha recentemente fornito ai passeggeri una serie di consigli su questo argomento. Questo blog ne fornisce una sintesi.

  Modulo consenso al trattamento dei dati personali

È giusto che l’Unione Europea abbia deciso che i passeggeri che subiscono disagi a causa di un grave ritardo, di una nuova prenotazione o di una cancellazione hanno diritto a un risarcimento. Ciò è stabilito dal regolamento UE 261/2004, che specifica nel dettaglio in quali circostanze i passeggeri hanno diritto a essere risarciti da una compagnia aerea.

Il risarcimento non dipende dal prezzo del biglietto, ma si basa sulla distanza e sulla destinazione del volo e sulla durata del ritardo all’arrivo a destinazione. Anche se la compagnia aerea cancella il volo, una nuova prenotazione può garantire che il passeggero arrivi a destinazione entro un determinato periodo di tempo, il che significa che il risarcimento può essere solo parziale o nullo.

Compensazione per volo in ritardo

Ho trascorso più di 12 ore extra in aeroporto e le mie spese si aggirano intorno ai 40€ (per pranzo, caffè, snack, internet+stampa). Tutte queste spese sono state sostenute dopo l’orario di partenza ufficiale. Sono spese ragionevoli?

Per quanto riguarda le spese in aeroporto: La compagnia aerea è obbligata a fornire pasti e bevande, alloggio se necessario, e così via. Può scegliere come fornirli. Se rifiutate o ignorate la loro offerta di assistenza (e l’offerta era ragionevole), le spese che sostenete per non aver accettato la loro offerta non sono un problema della compagnia aerea.

  Contratto comodato duso terreno agricolo modulo

I clienti che desiderano presentare una richiesta di risarcimento per spese di viaggio/trasporto/ristoro in seguito alla cancellazione di un volo o a un ritardo superiore alle 3 ore all’arrivo possono cliccare qui per accedere al modulo di richiesta EU261.